cose come nascere, morire

Non siamo più gli stessi.
Nell’involucro del corpo moriamo e nasciamo a vita nuova per morire ancora.
E rinascere.
Ho anelato invano ad una linearità rigida, confinata, immodificabile, come se ciò potesse
proteggermi dal dolore, quello che fa a brandelli dentro, fino a far soffocare.
Non ci sono riuscita, e ancora oggi abitano in me sentimenti in contrasto fra di loro,
dubbi, perplessità.
Diffidenza estrema che, talvolta, si sfrangia come una tela per lasciar passare poche lacrime, a fatica, e l’esigenza di credere ancora che tutto abbia un senso, e che vivere non sia solo un ciclo biologico.
Non ho avuto mai certezze, e mai ne avrò, ma mi accuccio sul dolce pendìo dei miei pensieri notturni, e mi alleno all’esercizio duro della speranza.

Lana Del Rey – Born To Die

Suono onomatopeico di un soffio

La vita è breve: a volte solo uno sbuffo scocciato. Chi conta, e cosa conta?
Opinioni, solo opinioni dettate dallo stato d’animo del momento.
Addicted, sometimes.
Consola avere intorno gli affetti veri: quelli di sempre.
Quelli che, piuttosto che farsi scappare una gaffe sui tuoi punti deboli, si farebbero tagliare la lingua.
Io mi son sempre fidata delle persone che mi dimostravano affetto, e spesso ho sbattuto il muso contro la loro ipocrisia, riflesso della mia dabbenaggine di ragazzotta ingenua.
Mi son data della stupida un sacco di volte, con ragione, però a mia discolpa devo aggiungere che il nemico si era mostrato credibile.
Ordinaria abilità di chi passeggia sui sentimenti altrui come sul pavet di una piazza.

Manowar – Master of the wind