Rimembranze

Genocidio, parola ibrida di doppia provenienza. Dal greco ghénos, cioè  razza, e dal latino caedo, uccidere. Uccidere una razza, sterminarla.
Oppure dare il via a eccidi scellerati di popolazioni intere. E per quale motivo, poi?
Certe vergogne dell’umanità non hanno un perchè e, soprattutto, non avranno mai giustificazione.

Io voglio ricordare, anche, la distruzione degli Armeni da parte dell’Impero Ottomano, i milioni di contadini ucraini uccisi da Stalin, i cambogiani dai Khmer Rossi, i cinesi sterminati da Mao, i Curdi da Saddam Hussein.
E, ancora, i Nativi americani, gli infoibati da Tito, i giapponesi di Hiroshima e Nagasaki, e tante popolazioni africane e dell’America Latina.
Qui una stima, abbastanza fedele.
Per non dimenticare.

Annunci