Vino bianco

Poco più di un anno fa, in occasione di una festa di famiglia, mi capitò di bere qualche bianco di troppo, perfetto con i piatti a base di pesce. Bianco e ghiacciato.
L’alcool, se bevuto entro i limiti della tollerabilità, è un’ottimo paio di occhiali rosa, la spinta che ti consente di considerare tutto più facile. Lì per lì.
Sentendomi totalmente in pace con me stessa, inviai un messaggio ad una persona. Il testo recitava, più o meno:” Oggi è tutto perfetto, al punto che mi pare di essere quasi felice. Manchi solo tu”.
Non ottenni nemmeno l’abbozzo o lo sforzo di una risposta data per semplice buona educazione.
Ci sono campanelli d’allarme che sono campane a morto, ma noi lo ignoriamo.
Oppure, qualche volta, ci aggrappiamo ad illusioni che andrebbero seppellite sotto coltri di terra umida. Subito.
Perchè mi è tornato in mente questo piccolissimo episodio?
Perchè ho un cuore, e questo cuore batte ancora a dispetto di tutto. E si sente deluso, ferito e buttato via come carta straccia.
Menomale (paradosso) che la vita pensa subito a lenire i tuoi dolori scaraventandotene addosso di più grandi.
Così a quel vecchio messaggio senza risposta non ci pensi più.

Police – Message in a bottle

Annunci