torte in faccia

xl_02-torta-in-faccia

Non essere riusciti a coltivare la propria solitudine come una pianta succulenta è un fallimento.

Perchè ad essa ci si era votati, e per essa si erano compiuti sacrifici senza logica (ammesso che i sacrifici ne abbiano una).

Essersi beati tronfiamente della propria autosufficienza affettiva spesso è un errore, tanto drammatico quanto imperdonabile (la madre badessa che mi abita, in buona compagnia, va blaterando di peccati mortali).

E, detto con estrema franchezza, non avere più scheletri da nascondere è ridicolo.

Annunci

2 pensieri su “torte in faccia

  1. Ciao Nico, non dovrei dopo aver letto, ma sorrido. Quasi tutto quello che hai pubblicato in questi anni è la disamina di una sconfitta: la tua perfettamente espressa e scritta a differenza di quella di altri nascosta sotto le pieghe di abiti più eleganti. Ma non ho mai trovato buona letteratura accoppiata a serenità, soddisfazioni e condivisioni affettive. Ci hai mai fatto caso? Chissà perchè.

  2. gli scheletri nascosti garantiscono che avrai sempre qualcosa da scrivere proprio per impedirti di mettere mano a quelli. Per questo io me li tengo cari, appunto per costringermi a inventare qualcosa e lasciarli così dormire in pace.

I commenti sono chiusi.