la breve vita dei fiori

Ti ho visto spuntare dal nulla, timoroso, sfidando la pioggia battente e i tramestii.

Sei cresciuto quasi all’improvviso: sei cresciuto succhiando la mia forza vitale senza sapere di farlo.

I fiori, quelli più fragili e belli, diffondono attorno la meraviglia dei loro colori, regalandone la gioia e il senso di effimero.

Quanto dura la vita di un piccolo fiore?

Lo guardo ancora e sta già appassendo, com’è logico che sia.

Com’è dolorosamente giusto.

Al prossimo giro avrà il capo piegato dal vento: del suo colore rimarranno vividi frammenti nella memoria.

E il ricordo agrodolce di quello che è stato.

Muse – New Born

Annunci

8 pensieri su “la breve vita dei fiori

  1. Confesso di detestarti quando leggo parole come queste.Ma l’invidia che mi rode simpaticamente si trasforma subito in ammirazione.La breve vita di un fiore raccontata come un piccolo dramma,senza che sia possibile levare una parola o aggiungerla.Nemmeno sostituirla,credo.Chapeau e un abbraccio affettuoso.Robi

    P.S. Io sto benone,sono un tuo follower e leggo il blog.Ancora non aggiorno il mio,sto pensando non ad un post ma AL post.Quello definitivo,quello dopo il quale tutti avremo capito tutto ed ogni ulteriore discussione sarà superflua.

  2. ogni fiore è destinato ad appassire.
    puoi cambiare l’acqua per farlo vivere un pò di più
    o farne un ornamento come fiore secco.
    basta deciderle le cose
    e molti propendono per la seconda scelta, mia cara..

  3. io mi metto il ghiaccio nelle scarpe per durare più a lungo, ma comunque ho le borse sotto i petali, ciao

  4. Ci arricchisce mortificandoci, Susanna, ma è il prezzo che paghiamo per il solo fatto di esistere.
    Ti abbraccio forte anch’io. :**

    Un bel ricordo fra tanti ricordi di ogni tipo, Antonio.
    Noi siamo contenitori di ricordi.

    Per una volta provo a non cavarmela con le mie battutacce stupide, Marco bello. E ti dico solo grazie. :**

    Di quei momenti dovremo far tesoro, Ilmiosguardo. Così come di tutte le cose belle che ci sono state donate, anche solo per un attimo. :**

    Robi, tanta gente mi detesta per altro, magari.
    In fondo esprimo con le parole quello che ho dentro, e questo mi aiuta a guardare al domani, in qualche modo.
    Ennò, caro: io non voglio il Post, ma tanti post ancora. ;)

    I fiori secchi son belli ma tristissimi, cara Malacqua. Anzi, sarebbe meglio lasciarli attaccati alle loro piante, sebbene perfino ciò non li sottragga al loro destino cadùco. Esattamente come il nostro.
    Un bacio. :**

    Sono trucchi che servono poco, Impo.
    Io faccio la pennichella in freezer, ma i processi vitali non li ferma nemmeno un quintale di ghiaccio. :/
    Ciao.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...