non solo

 

Bella immagine, vero?
Per gli uomini spesso siamo solo questo, e a nulla pare siano serviti anni di lotte per l’emancipazione.
Non solum.
Bene che vada ci si imbatte in strane bonarietà di tipo concessivo: sostanzialmente in quattro parole in croce dette per quietare l’animus ribelle.
Al peggio ci si rende conto, ben presto, che se la strada per l’inferno è lastricata di buone  intenzioni, quella per il paradiso lo è di complimenti sparsi come manciate di cenere al vento.
Generalmente falsi.
Da giovani si è inconsapevoli, e in modo inconsapevole ci si illude di aver fatto centro, di essersi spiegate, di aver trovato un interlocutore pienamente capace di comprendere.
Crescendo le illusioni si sgretolano più o meno lentamente, lasciando il posto ad un disincanto agrodolce destinato presto a diventare fiele allo stato puro.
Ed è così, cari miei, che le sottoscritte (personalità multipla ma non solo) non la bevono più, e se ne assaggiano un sorso lo sputano via.
Per cui sarebbe utile che anche noi si imparasse l’arte dell’usa e getta: in fondo anche gli uomini son tutti uguali, a parte l’aspetto esteriore.
Il funzionamento è semplicissimo: se li conosci impari ad usarli, oppure li dimentichi nella polvere delle loro convizioni più stantìe e datate.

Porcupine Tree – Synesthesia

Annunci

19 pensieri su “non solo

  1. Hai ragione Nico: la _maggioranza_ degli uomini è come li descrivi, ma mi rifiuto di credere che sono _tutti_ uguali perchè non è vero: qualcuno che si salva c’è!

    Ma dimmi, trovi che noi femminucce siamo perfette?
    Ci sono tipette che autorizzano gli uomini a venir usate. Ed esse, con i loro comportamenti, annullano anni di lotte e di conquiste.

    Per l’usa e getta, credo che bisogna nascere così, oppure aver subito tante di quelle botte nei denti che giustificano il diventare st***za. :-(

    Buona domenica Nico, un abbraccio, ciao :-)

  2. Mi permetti una volgarità?
    Vabbè mi prendo da sola la licenza.
    L’essere umano nella variante maschile quando incontra la variante femminile, ha un principale pensiero in testa: quello di inserire quella protuberanza che hanno davanti, chi in misura maggiore o minore (perchè diciamola, fa la differenza), in quella parte che tu hai esposto.
    Tutti.
    Poi c’è chi si industria per dimostrarsi un intellettualoide e chi te lo fa capire da subito.
    Io protendo per i primi.
    Ma hai ragione sono tutti uguali, tranne alcune differenze fisiche.
    E fai bene.
    Aspirare all’usa e getta non è male

  3. Ma cosa pretendete da un essere umano di sesso maschile: la natura lo ha progettato per fare a mazzate con chiunque si avvicini alla propria dimora, a bighellonare per i boschi in cerca di cibo e a cercare di moltiplicare il più possibile il proprio codice genetico. Capite bene che partendo da queste premesse la strada della “civilizzazione” è stata dura e costellata di ingiustizie e violenze gratuite. Resta il fatto che al giorno d’oggi si trova in giro qualcuno che è riuscito ad evolversi e a distaccarsi da questa nemesi della natura. La strada è ancora lunga, c’è molto lavoro da fare, ma vi prego di non dimenticare mai che voi donne vi trovate ad avere a che fare con uno sfigato naturale, con uno che ha avuto una mamma. Già perchè, una volta assodata l’inferiorità biologica, molti degli atteggiamenti che voi criticate sono stati inculcati da una mamma.
    Buona domenica

  4. Ciao, Ilmiosguardo.
    Non volevo generalizzare. Anzi sì, sebbene mi renda conto della diversità delle singole persone. Mai pensato che le donne siano perfette, ma hanno, rispetto ai maschi, due fattori che ad essi sono generalmente sconosciuti: sensibiltà e capacità di empatia.
    Le uniche eccezioni maschili incontrate in vita mia erano giani bifronti.
    Buona serata. :**

    Purtroppo per l’usa e getta bisogna essere tagliate, Malacqua. A parole lo farei, ma sono una persona sentimentale, quindi preferisco tenermi alla larga da beghe e situazioni che potrebbero degenerare.
    Adoro gli uomi che sanno ascoltare, arguti, intelligenti, moderatamente colti (anche se non è obbligatorio).
    Peccato che anche loro, come i compagni più scimmieschi, siano attratti essenzialmente da ciò che tu hai descritto esattamente. E qui mi fermo, perchè se divento volgare io, lo divento da far tremare i camalli. :)

    Basta con le mamme, Saverio: è una storiella che non posso più sentire.
    Se gli uomini sono animali in balìa del proprio pisello la colpa non è mia.
    A mio figlio ho insegnato delle cose, e fino ad ora mi pare che non si stia dimostrando un selvaggio sempre arrapato. Anzi.
    Ha una ragazza alla quale vuole molto bene: una ragazza che rispetta.
    Magari si rovinerà crescendo, ma se la natura si è accanita contro di voi non è colpa delle donne.
    Donne che, va detto, non sono esenti da difetti, perchè nel momento in cui si prestano al gioco della bestia di turno (appurato che sia un animale e basta), diventano corree.
    Lo so: oggi mi sento vagamente integralista, ma la sostanza del discorso cambia poco.

  5. Invece cambia eccome. Sostenere che tutti gli uomini sono bestie che vanno in giro brandeggiando il proprio sesso, è francamente grottesca. Non so chi hai conosciuto, nè so chi frequenti, ma non credo che tu dedichi tutto il tuo tempo a difenderti da centinaia di satiri pronti a saltarti addosso in ogni momento. Invece la storia della mamma c’entra eccome ed è ovvio che tu, in quanto mamma, respinga quest’idea. Comunque sia, se volessimo portare alle estreme conseguenze il tuo discorso, dovremmo pensare seriamente a una campagna di castrazione di massa o, in alternativa, a una campagna di istigazione al suicidio per tutti i maschi del pianeta. In realtà per ogni donna che lancia anatemi contro gli uomini ci sono altrettanti maschi che bestemmiano quotidianamente contro il sesso femminile. Probabilmente dietro tutte queste imprecazioni c’è solo il desiderio di liquidare le proprie fragilità e i propri errori. Anche perchè l’uomo, come la donna, non sono tutto quello che c’è nella vita.
    Darsi al monachesimo o all’allevamento di capre tibetane può essere una valida alternativa.

  6. Grazie, Ilmiosguardo: in quel che scrivo c’è una buona quota di ironia, ma non tutti se ne accorgono. ;)
    Buona settimana a te.

    Giusto, caro Arci: perchè mettere il rossetto e il fard, se gli uomini ci guardano in faccia sì, ma altrove?? :)

    Saverio Saverio, se avessi dietro (io) centinaia di satiri pronti a saltarmi addosso mi sentirei nel contempo fortunata e sfortunatissima.
    Ovviamente non è così, nè mi potrebbe mai interessare.
    L’investimento affettivo (AFFETTIVO) non è tutto, ma per certe persone è tanto.
    Io sono una di quelle persone, anzi lo ero.
    Non è che abbia incontrato solo bruti, ma la conoscenza di queste entità ormai evaporate, più amici o altro, ha fatto sì che mi convincessi di quello che ho scritto, magari con toni eccessivi.
    Gli uomini (non scrivo “voi”, altrimenti riparti in quarta) privilegiano certi aspetti, in un rapporto. Salvo poche e felici eccezioni.
    Le donne, vivaddio, ne privilegiano altri. Salvo poche eccezioni.
    Continuo a non capire gli spargimenti di veleno contro le mamme.
    Che ce ne siano di terribili è vero, ma chi ha sperimentato certi trattamenti sulla sua pelle non alleverà mai un figlio affinchè tratti le donne come biglietti da obliterare. E se avrà fallito, alla fine, è perchè siamo tutti esseri umani.

  7. io non sono d’accordo
    conosco uomini migliori di così, quasi tutti quelli che amo oppure ho amato
    in ogni caso, li preferisco, come compagnia, alla maggior parte delle donne che conosco
    (Donna)

  8. No, Impo: non sempre. Non io. Non come avrei dovuto.
    Forse. :/

    Pensa che noia se la pensassimo tutti allo stesso modo, 1d2.
    Onestamente anch’io ho conosciuto uomini diversi (non fosse che per statistica, almeno), e quando ho amato ho creduto di amare persone migliori.
    Poi il tempo passa, e trattiene nel setaccio quello che non eravamo state in grado di vedere.
    Ho amici maschi anch’io, e spero sempre di potermi ricredere, un giorno, ma la sintonia che si crea con alcune donne speciali è impagabile.

  9. @ saverio: se una scrive un post, lo fa come momento di sfogo personale in cui include solo il peggio, ovvio.
    Evidentemente è il succo di una riflessione personale buia.
    Di peggio ce n’è, molto.
    Ed anche di buono. Tutte siamo consapevoli di questo.
    Vale quello che ho scritto su, ma vale anche questo.
    Ci stanno entrambe le cose.
    Poi ognuno parla per esperienza personale. E quella, purtroppo, è l’unica bussola che dirige il nostro pensiero.

    @ Donna
    diffido da chi dice che preferisce gli uomini alle donne, in amicizia.
    mi sa tanto di donna che si sente in eterna competizione con le altre.
    L’unico rapporto autentico di vera amicizia lo vivo con una donna.
    E non riuscirei nemmeno a concepirlo, in quel modo, con un uomo.

  10. @ malacqua : non sono in competizione con nessuno
    semplicemente dico che la compagnia migliore in assoluto, per me, è quella di un amico (che è stato anche amante)
    non ci sono gelosie, non c’è invidia, solo grande comprensione reciproca, a cuore aperto
    capita, sai?
    Donna

  11. Malacqua, ti capisco al cento per cento: non per nulla i nostri pensieri sono praticamente sempre in sintonia.
    A qualcuno è sfuggito il fatto che molto del mio malumore derivasse da un brutto momento.
    Poi, si sa, a generalizzare si fa presto.

    1d2, anch’io ho un carissimo amico: ma è un’eccezione.
    Per il resto riesco a comprendere e a farmi comprendere essenzialmente dalle donne: forse perchè abbiamo pensieri e problemi analoghi.
    Spesso gli uomini, salvo eccezioni, navigano beati nella loro bolla di superficialità.

  12. 1d2: capita. e lo accetto come accetto migliaia di cose che non comprendo.
    ma non ci credo.
    anche io ho un amico.
    lontano.
    resta un amico e basta per un pò di motivi che non sto qui a spiegare e pur continuando a non credere all’amicizia uomo-donna.
    per il resto, già il tuo modo di porti (leggermente arrogante, tipico delle persone permalose) mi convince di quello che ho detto su…

    nico: ah la nostra sintonia è acclarata oramai…
    :)

  13. Apparte l’immagine che ho molto apprezzato, il contenuto del tuo messaggio mi sembra di una superficialità imbarazzante.
    Ma qual’è il senso di questo blog alla fine? Peraltro scrivi come una bambina.
    Usa il tempo in maniera migliore, vai a farti una passeggiata al parco invece di sforzarti a fare la scrittrice.

  14. Anonimo “bacco”, ognuno passa il tempo come gli pare. Tu, intanto, inizia ad imparare a scrivere in modo corretto: “apparte” non si scrive così.

I commenti sono chiusi.