Go on go on your choice is made go on go on and disappear

Stare a meditare sui propri cambiamenti va bene, ma ad un certo punto, ali ha ciascuno al cor, ed ali al pede, è necessario riprendere un minimo di vita fuori porta in tutti i sensi.
Oggi ho capito subito di non aver bisogno del film storico, corale, in qualche modo epopeico.
Un uomo e una donna. Un intrigo. Forse un amore. E son partita, lancia in resta.
Poi non devo mai farmi mancare la mia dose di Filippo Timi, che ad essercene in giro…
Una storia che non parte come tutte le storie cosiddette normali, ma che per poco promette di diventarlo.
Il regista, che dev’essere una nuovissima leva, gioca molto bene con la realtà che si camuffa da incubo, e con l’incubo che diventa reale. E gli incastri a cavallo fra la vita vera e gli stati alterati di coscienza sono semplicemente perfetti come un puzzle difficile portato a termine a tempo di record.
Poi esci, sulle note di una canzone sudamericana, e ti rendi conto che di uomini stronzi il mondo è pieno, ma che le donne, se ci si mettono, diventano maestre.

Perdonate l’OT.
Qui accanto ho un blogghetto che ha preso il posto del mio vecchio Tumblr. Magari, se non avete di meglio, fateci un salto.
Eeeeeeeeeee thank you so much.

Cure – In between days

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...