Enne

Enne come nihil. Come no one. Anche come Nicoletta, volendo.
Enne come nevrosi.
Da dove credete scaturiscano le nevrosi?
Quando pedalo metto in moto i pensieri in maniera accelerata, e non è un bene.
La coscienza di una lacerazione interna non basta a lenirne il dolore.
L’esigenza di assomigliare agli altri, e di condividerne le tappe e le partenze, mal si concilia con la consapevolezza di essere diversi e incompatibili con schemi precostituiti e modelli socialmente dominanti.
Sentire l’area del proprio corpo come terra straniera, e gli impulsi mentali cavalli imbizzarriti che vorrebbero valicare limiti ideali di filo spinato percorso da corrente ad altissima tensione.
Le nevrosi sono incapacità di adattamento a cliché che non si condividono o che, peggio, a volte vengono avvertiti come incompatibili ed ostili.
Enne come nuvole.
In questi giorni ne stiamo facendo scorpacciate.
Sono bianche, frastagliate ed imponenti; a volte nere, basse, minacciose come un esercito che si appresta all’attacco.
Enne come noncuranza, come nausea, come naufragio.
Enne come nontiscordardime.
E se, per caso, dovessi scordartene…
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...